Regolamento

  • DEFINIZIONE DEL CAMPO DI INTERESSE. Il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana nasce con l’intento di promuovere e valorizzare la produzione contemporanea di musica popolare di radice italiana. Il premio pone l’attenzione sulle proposte musicali che intrecciano la ricerca, il recupero e la valorizzazione della cultura musicale più antica e tradizionale – quella cioè che era motivo di aggregazione nelle feste religiose o di altra natura, quella dei canti di lavoro, dell’espressività popolare – con la nuova interpretazione della musica popolare – quella cioè che ha subito contaminazioni etniche e l’influenza di nuove sonorità strumentali, anche di altre culture.

Il Premio è in particolare rivolto a quelle produzioni che non si limitano a inserire elementi “tradizionali” (ad esempio, la canzone in dialetto) ma che si collocano su una linea di filiazione storica o ideologica con la ricerca sul campo, il folk revival, la ricerca sugli strumenti musicali popolari o sulle modalità espressive e stilistiche della musica di tradizione orale.

Il Premio si propone quale occasione per approfondire tali tematiche e per proporre un confronto tra le tante esperienze e produzioni musicali del momento. È un laboratorio permanente che registra ciò che accade nella produzione contemporanea di musica popolare italiana.

  • PREMI. Ogni anno il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana assegna quattro riconoscimenti:

– un Premio Loano alla migliore produzione discografica dell’anno solare precedente, assegnato in base alla votazione di giuria formata da giornalisti musicali specializzati, operatori del mondo della musica folk e musicologi.

– un Premio Loano giovani, assegnato in base alla votazione di giuria formata da giornalisti musicali specializzati, operatori del mondo della musica folk e musicologi, riservato alle opere prime o secondo di artisti sotto i 35 anni uscite nell’anno solare precedente.

– un Premio alla carriera, assegnato dalla commissione organizzatrice a un musicista (o gruppo di musicisti) che si siano distinti per la promozione, la composizione, la divulgazione di musica tradizionale italiana.

– un Premio alla realtà culturale, assegnato dalla commissione organizzatrice a un’etichetta, ricercatore, operatore culturale, editore o altro che si sia distinto per la promozione, la composizione, la divulgazione di musica tradizionale italiana.

  • REGOLAMENTO DEI PREMI PER LA MIGLIORE PRODUZIONE DISCOGRAFICA

Eleggibilità. Possono partecipare al Premio Loano tutte le produzioni discografiche (stampate su supporto fisico o distribuite digitalmente) che rientrano nelle linee guida identificate nella “Definizione del campo di interesse”.

Sono ammessi sia dischi contenenti brani di composizione, sia elaborazioni originali di opere di pubblico dominio. In ogni caso, composizioni o elaborazioni originali devono ammontare ad almeno l’80% del disco. In caso di dubbi o contenziosi, l’eleggibilità di un disco è a totale discrezione della commissione artistica del Premio Loano.

Sono comunque esclusi:
– EP (dischi con meno di 25 minuti di musica)
– Compilation di musicisti diversi;
– Antologie di materiale già precedentemente edito. In caso di antologia con inediti, questi devono essere presenti in misura superiore al 50% delle tracce del disco.

Periodo di uscita. Sono ammessi alla votazione i dischi pubblicati nel corso dell’anno solare precedente all’edizione del Premio. Fa fede la data riportata sul disco o sul bollino SIAE; in secondo luogo, fa fede la data di diffusione sulle piattaforme digitali. Eventuali deroghe, motivate, sono a discrezione della commissione artistica e dell’organizzazione.

Premio Giovani. Sono eleggibili nella categoria giovani i dischi che, oltre a rispettare i parametri generali del Premio, soddisfino questi requisiti:
che siano a firma di musicisti che non abbiano pubblicato più di 2 album. Qualora non si tratti di un singolo artista, ma di un gruppo musicale o formazione artistica, il suddetto criterio non riguarda il singolo artista componente del gruppo, ma la formazione artistica intesa nella sua interezza. Gli album si intendono composti da almeno 8 registrazioni, o da 40 minuti di musica complessiva anche su diverse singole registrazioni;
che siano firmati da musicisti che, al 31 dicembre dell’anno solare precedente all’edizione del Premio (ovvero, l’anno solare di validità delle produzioni discografiche), non abbiano compiuto i 36 anni di età. In caso di gruppi di più persone, vale la media delle età dei singoli componenti.

Selezione dei dischi candidabili.  La selezione dei dischi candidabili avviene, a seguito della diffusione del bando,
– per autocandidatura delle etichette discografiche o dei singoli musicisti;
– su indicazione dei membri della giuria.
In ogni caso, la partecipazione alla selezione (e a ogni fase del Premio) è gratuita.

La compilazione finale dell’elenco dei dischi candidabili avviene a cura della commissione artistica del Premio Loano (composta dal direttore artistico, Jacopo Tomatis; dai collaboratori Ciro De Rosa, Enrico de Angelis e Annalisa Scarsellini; e dalla Compagnia dei Curiosi). La giuria può comunque integrare e proporre altre titoli a integrazione.

Votazione. La votazione è a cura di una giuria di giornalisti musicali, studiosi e operatori specializzati. Ogni giurato indica cinque titoli, non in ordine di preferenza,sulla base della selezione proposta dalla commissione artistica.

Vincitori. Il disco che ottiene più voti totali è il vincitore del Premio Nazionale Città di Loano per l’anno in corso. Il miglior classificato tra i dischi candidabili per il Premio Giovani si aggiudica il riconoscimento. In caso di ex aequo, il voto finale spetta alla direzione artistica.